All posts by admin

MINDFUL EATING E RELAZIONI

MINDFUL EATING E RELAZIONI
Commenti disabilitati su MINDFUL EATING E RELAZIONI

CIBO ED EMOZIONI:

PERCORSO DI MINDFUL EATING

Sabato 11 Maggio 2019, ore 10-12   

IL CIBO E LE RELAZIONI CON GLI ALTRI

L’ incontro, guidato dalla psicoterapeuta Marta Castoldi e dalla nutrizionista Gabriella De Miranda, si terrà a Milano, in via Friuli 50 presso il Centro Temenos. La quota di partecipazione è di 25 euro

(si può effettuare il pagamento la mattina stessa o con bonifico al seguente Iban: IT 67 R 0521 60 1616 0000 0000 1861 intestato a Gabriella De Miranda)

ISCRIZIONE OBBLIGATORIA (entro Giovedì 9 Maggio)

mandando una mail a info@spazioaiuto.it  o un whatsapp al 338 93 83 650   

Ti capita di mangiare in maniera disordinata? Spilucchi tutto il giorno e poi arrivi ai pasti che non hai molto appetito? Alterni momenti in cui ti concedi ogni sfizio a momenti in cui restringi tantissimo, fino a digiunare? L’abbuffata consiste nel consumo eccessivo di alimenti, di ingenti quantità di cibo, che può avvenire in modo occasionale o abituale, dove la persona acquisisce un apporto calorico grandemente superiore a quello di cui ha realmente bisogno. Il consumo di cibo si trasforma in un problema nel momento in cui si manifesta in modo compulsivo, sistematico e diventa una forma di dipendenza da cibo, non una cosa che io controllo ma di cui mi sento schiavo. In genere chi si abbuffa è una persona che vive costantemente o quasi a dieta. Una dinamica tipica vede l’alternarsi di periodi di dieta a periodi di eccessi e abbuffate, da soli o in compagnia. Si possono individuare tre modalità con cui le persone si sottopongono a diete. Primo, posticipare i pasti: accanto al digiuno vi è la tendenza a rimandare i pasti nell’arco della giornata, fino a mangiare solo la sera. Secondo, ridurre al minimo l’apporto calorico, cercando di tenere sotto controllo l’introito calorico quotidiano, con calcoli ossessivi per ogni alimento ingerito. Terzo, evitare alcuni cibi: esiste in chi si abbuffa la tendenza a considerare alcuni alimenti assolutamente “pericolosi”, perché fanno ingrassare o perché in passato averli mangiati ha scatenato l’abbuffata stessa. Spesso si crea una netta separazione tra cibi considerati sani e permessi, che vengono consumati nei momenti di dieta o di restrizione, e cibi spazzatura, ricercati e concessi solo durante le abbuffate o i momenti sociali. In genere chi si abbuffa non lo fa perché spinta dall’impulso della fame, anzi spesso non avverte il senso di fame. Può inoltre ritrovarsi a mangiare da sola, a causa del forte senso di imbarazzo per la eccessive quantità di cibo che si ritrova a consumare. Queste problematiche nei propri comportamenti alimentari rendono spesso difficili le relazioni con gli altri.

More

DIPENDENZA DA CIBO

DIPENDENZA DA CIBO
Commenti disabilitati su DIPENDENZA DA CIBO

In un rapporto libero col cibo siamo noi a decidere cosa e quanto mangiare, come occupare il nostro tempo, nella dipendenza da cibo è lei che pensa e sceglie per noi. Questo rapporto di dipendenza dal cibo vi fa uscire la sera per andare al supermercato a comprare cibi di cui abbuffarsi, vi distrae da qualsiasi attività stiate facendo in cerca di frigoriferi o dispense da svuotare, vi fa andare avanti mangiando un finocchio o una mela a pasto, vi fa alzare alle 6 del mattino per andare in palestra o correre 20 Km. Nella dipendenza da cibo l’ossessione di cosa mangiare e cosa fare per bruciare calorie diventa il vostro padrone, questo significa che non riuscite ad opporvi, magari anche volendolo e capendo che poi starete male, sarete pieni di sensi di colpa o stanchi morti; a volte desiderate avere un rapporto più sano col cibo e col vostro corpo, ma non potete, la dipendenza da cibo si impadronisce delle vostre giornate e diventa spesso invalidante, portandovi a rinunciare a tante cose, a perdere pericolosamente peso o a prendere chili su chili con vostro sommo dispiacere. Nella dipendenza da cibo, al contrario delle persone che -come può capitare a tutti- scaricano sul cibo quando sono tristi o stressate, siete incapaci di volere, di scegliere, anzi siete voi ad essere scelti, guidati dai vostri sintomi, che siano digiunare o abbuffarvi, non siete più liberi. Non dovete rimproverarvi sentendovi dei perdenti e dei deboli, ciò non fa che aumentare i vostri sensi di colpa e la vostra sensazione di inadeguatezza. Forse non vi siete resi conto pienamente di quando e perché avete iniziato ad avere una dipendenza dal cibo, ma non avevate altra via di uscita, in quel momento indefinito avete creduto che l’unico modo per tollerare un’ansia, una delusione, un rapporto difficile, un’emozione intollerabile fosse rivolgervi al cibo, fino a farvi sviluppare una dipendenza dal cibo. Ora il non mangiare o l’abbuffarvi è diventato una gabbia, una difesa contro qualcosa di voi stessi o contro il mondo, e proprio per questo è anche qualcosa che protegge. I vostri genitori che vi dicono che volere è potere, si sbagliano, a volte la volontà non basta, la dipendenza da cibo è più forte, è necessario capire da cosa protegge, affrontare con una terapia le proprie paure e le proprie difficoltà, mettersi a confronto con le proprie debolezze e i propri limiti,per trovare nuovi modi di affrontare la vita e una rinnovata libertà!

Per domande o commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it

More

COPPIA E FEDELTA’

COPPIA E FEDELTA’
Commenti disabilitati su COPPIA E FEDELTA’

Alexandre Dumas afferma “le catene del matrimonio sono così pesanti che ci vogliono 2 persone per portarle, qualche volta volte 3”. Già l’oratore greco Demostene diceva, chiarendo l’orientamento sessista della società del suo tempo: “le amanti le teniamo per il piacere, le concubine perché vengano da noi ogni giorno, e le mogli perché ci diano figli legittimi e ci facciano da governanti”. Tutti amano gli innamorati. Eppure spesso non si sente parlare di matrimonio passionale. Un buon legame, felice o confortevole tra due caratteri compatibili sì, ma la passione può scemare. ‘Da allora hanno sempre vissuto felici e contenti?’, certo, ma ‘Hanno sempre vissuto appassionatamente?’….un duro compito! Se non altro, sfinirebbe. Vivere perpetuamente in quello stato di passione che è il delirio amoroso dei primi tempi vorrebbe dire forse trascurare molto del resto della vita e, a onor del vero, ci sono altre cose. L’amore può diventare più profondo e ampio, più intimo e stretto, può fornire nuove aree di collegamento e nuova forza, ma non di regola diventa più appassionato. Anche gli animali più semplici, i protozoi, sono soggetti alla più primitiva forma di apprendimento: l’assuefazione. Introdurre cambiamenti nelle nostre vite amorose per tener viva la passione è una faccenda impegnativa, comporta creatività, desiderio e voglia di farlo.

Quindi la coppia stabile o il matrimonio diventa la tomba dell’amore romantico e passionale? Niente affatto o, almeno, non necessariamente. Bisogna solo trovare lo stimolo giusto e avere motivazione nel tenere accesa la fiamma. Freud ipotizzava che tutti noi facciamo esperienza del conflitto tra il ‘principio di piacere’, che include l’attività sessuale e che cerca costantemente gratificazioni, e il ‘principio di realtà’, espresso dal Super-io o, in parole povere, dalla coscienza. Per gli esseri umani il sesso ha tre grandi funzioni: procreativa, relazionale e ricreativa. La prima è ovvia; la seconda riguarda il profondo legame e la profonda connessione che spesso si sviluppa tra innamorati e che dovrebbe precedere le relazioni sessuali; il terzo aspetto è il più controverso, ma resta il fatto che il sesso è, o può essere, molto divertente! E questo aspetto non va perso nelle relazioni a lungo termine, è bene che il sesso rimanga un potente stimolo di ‘ricreazione’. Altrimenti alcuni, nel tentativo di riaccendere l’amore appassionato, escono dal matrimonio per trovare nuovi stimoli per la passione. Qualunque siano le nostre inclinazioni naturali, non c’è dubbio che gli esseri umani siano biologicamente e psicologicamente in grado di fare sesso con più di una persona. Nel film Bruciacuore l’eroina racconta in lacrime al padre le infedeltà del marito, solo per ricevere questo consiglio: “Vuoi la monogamia? Sposati un cigno!”. Però la monogamia è rinfrancante, perché offre un porto tranquillo e sicuro, libero da competizioni ed esclusivo, in cui mettere tutti se stessi. All’apparenza la monogamia può apparire difficile e innaturale, ma risulta il miglior sistema possibile, quando si prendono in esame le alternative. Forse gli esseri viventi sono destinati a conquistare una perfetta relazione uno a uno, ciascuno cioè ha forse la propria anima gemella che l’attende da qualche parte. L’unico problema è se queste due metà di un intero potenzialmente perfetto riusciranno a ritrovarsi, come nel mito dell’androgino. Immaginiamo che Platone avesse ragione sul fatto che per ognuno di noi esiste il partner perfetto, la controparte ideale, una sorta di gemello siamese che si adatta a noi come il guanto alla mano: il partner di cui saremmo perfettamente innamorati e con cui saremmo eternamente felici. Ci sono sette miliardi di persone sul nostro pianeta; ne incontriamo probabilmente non più di qualche migliaio durante l’intera nostra esistenza. Ne consegue che, per ogni persona che vediamo, ce ne sono circa 999.999 che non incontreremo mai! E solo una modesta porzione degli incontri capita nell’età e nelle circostanze in cui l’amore o il matrimonio – per non dire del sesso – sono possibili. In breve, le possibilità che riusciamo a trovare mai la nostra perfetta metà sono estremamente esigue, ammesso che esista… Ma non disperiamo! Il futuro non è così cupo, né per la felicità personale, né per la monogamia. Anche se può non esserci per ogni persona la sua perfetta ‘metà’ che l’attende come nelle fiabe, nel corso di una relazione i partner hanno entrambi l’occasione di modellare le loro esperienze condivise in modo che l’uno diventi davvero la giusta chiave, adatta solo alla serratura dell’altra. Il perfetto adattamento di una buona coppia si crea, non esiste già in natura, va coltivato e curato. E malgrado la nostra biologia a volte sembra muoversi nella direzione opposta, tale vincolo può davvero stabilirsi. Un miracolo, ma della vita quotidiana! E la più bella avventura che potrete mai vivere…(Fonte: David Barash, Judith Lipton)

Per domande o commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it

More