Spazio Blog

BINGE EATING E ALTRI DISTURBI ALIMENTARI…

BINGE EATING E ALTRI DISTURBI ALIMENTARI…
Commenti disabilitati su BINGE EATING E ALTRI DISTURBI ALIMENTARI…

Oggi vi invito a vedere il video della mia intervista al programma LIVE SOCIAL di RADIO LOMBARDIA sulla mia pagina Facebook:

https://www.facebook.com/Spazioaiuto/ (e mettete un like se non l’avete ancora fatto…)

Cosa sono i disturbi alimentari? I sintomi alimentari come l’anoressia, la bulimia, il binge eating disorder, l’ortoressia, la vigoressia, hanno alla base una sofferenza profonda e questo va sempre spiegato bene. Il problema non è il cibo, il mangiare poco o tanto, ma si deve ricercare il significato legato al sintomo, cosa sta dicendo alla persona? Da cosa la sta proteggendo? Il disturbo alimentare non si sceglie come un capriccio e la resistenza al cambiamento fa parte del problema, non serve dire “è solo un problema di golosità, di mancanza di volontà, di voler dimagrire…”. Digiunare o abbuffarsi hanno a che fare con un problema di identità personale, di insicurezza, di senso di inadeguatezza, è necessario ragionare sulle cause profonde che stanno sotto al sintomo alimentare. Bisogna validare i disturbi alimentare come espressione di un disagio, che può scomparire solo quando è il momento giusto.

Attraverso una terapia adeguata si possono individuare i trigger, cioè gli eventi scatenanti il disturbo alimentare (dove si manifesta di più il problema?, cosa succede prima?, con chi?), e analizzare vantaggi e svantaggi del sintomo alimentare, cioè qual è la sua funzione, a cosa serve, quali sono invece i danni e le conseguenze negative?

E’ poi importante rinforzare la motivazione, cosa sarebbe utile per essere più motivata a star meglio? Infatti la persona spesso si sente intrappolata in un meccanismo automatico, una specie di pilota automatico che spesso è impossibile interrompere da soli. Attraverso un percorso di cura si possono interrompere subito i comportamenti disfunzionali che altrimenti poi mantengono la patologia e si crea un circolo vizioso da cui è difficile uscire. Nel binge eating disorder bisogna comprendere la parte che si sta curando con il cibo, perché si sta usando il cibo per regolare le emozioni? Lo stesso vale per l’anoressia: perché il digiuno serve a star meglio, perché il controllo e le restrizioni fanno sentire così bene? Sia nel problema dell’anoressia che nel binge eating non si tratta di cibo, c’è una domanda di qualcos’altro! Solo attraverso una terapia è possibile capirla. Nessun cibo e nessun controllo potrà mai soddisfare…

Per domande o commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it