All posts in Bulimia

ABBUFFATA

ABBUFFATA
Commenti disabilitati su ABBUFFATA

Innanzitutto ringrazio una delle ‘mie’ prezioze ragazze a distanza per avermi offerto e prestato queste parole e questa testimonianza che rende alla prefezione e descrive in modo eclatante i meccanismi e i pensieri di un’abbuffata. Lo condivido con l’augurio che davvero dopo un lavoro terapeutico possiate dire “da domani basta”.

Abbuffata. Sì esatto. Mi sono abbuffata anche oggi. Come sempre. Nonostante tutto, nonostante i buoni propositi mi sono abbuffata. Ho ingurgitato di tutto: pizza, schiacciata, gelato, biscotti, nutella…potrei iniziare a autogiustificarmi per calmare i sensi di colpa dicendomi che è colpa dello stress, della scuola, degli amici, della giornataccia che ho passato e cose varie. Ma non è così. So che non è così. É inutile girarci intorno.

Se si cerca su internet “bulimia” troviamo 1.000.000 di risultati che spiegano che uno si abbuffa per varie cause tra cui stress, insoddisfazione, depressione, tristezza, rabbia… qualcuno ci infila pure la noia…per me queste sono solo stronzate dette da psicologi laureati per spiegare un comportamento fuori dalla loro comprensione, un comportamento che non si può capire se non si è provato sulla propria pelle. Nessuno parla mai delle dinamiche dell’abbuffata.  Il giorno prima ti abbuffi a pranzo, e continui per troppo tempo.  Beh, ti dici che è domenica e che è normale mangiare tanto e che domani è lunedì e ripartirai daccapo. Nuova settimana, nuova vita. Dieta e digiuno e riuscirai a dimagrire. Perfetto. Il tuo piano di dimagrimento è chiarissimo nella tua testa. A cena mangi poco, o almeno ci provi. Anche se poi dopo cena finisci per abbuffarti di nuovo, ma tanto ti ripeti che domani smetti e ti dici che un ultimo sgarro ci sta. tutto entro mezzanotte. Perché da mezzanotte per te inizia il dimagrimento. E già guardandoti allo specchio ti vedi più magra e bella, come se pur essendo passato un solo minuto in cui non hai ingurgitato nulla fossi dimagrita.

La mattina ti svegli e tua mamma arriva con un pacco intero di biscotti e ti dice “mangia” e tu fai finta, fai un po’ di rumore col sacchetto quando tua madre si avvicina e non tocchi cibo. Ti senti così forte e bella. Ti guardi allo specchio e vedi tutto il tuo autocontrollo riflesso in un corpo che non ti fa più così tanto schifo. Durante tutte le ore di scuola il tuo cervello lavora instancabile pensando ai modi migliori per saltare i pasti, per non far notare agli altri il tuo dimagrimento. Te ne sbatti della lezione, del prof che spiega perché devi pensare al cibo. A come evitarlo e a come bruciare più calorie possibili. le idee fioccano nella tua mente contorta e ti senti invincibile.  Pianifichi tutto. Nei minimi dettagli. Pianificazione. Controllo. Perfezione. A ricreazione stai tutto il tempo fuori a fumare. Beh, il fumo fa passare il senso di fame giusto? 1, 2, 3, 4 sigarette una dietro l’altra, senza nemmeno sentirne il sapore. Mentre gli altri chiacchierano e si fumano la loro unica sigaretta te le fumi tutte nel tuo angoletto, persa tra i tuoi malati e contorti pensieri. Ogni tanto ridi alle battute altrui per non fare la figura della stramba asociale, ma la tua mente è lontana anni luce dai discorsi dei tuoi amici basati su calcio, sesso, festini, alcool, e ancora sesso. Continui la mattinata e te ne freghi della scuola. dei compagni, dei prof. Te ne freghi di avere una buona media e restare in pari con lo studio. Hai un solo pensiero in testa. Il tuo chiodo fisso che martella incessante nel tuo cervello. Dimagrire e digiunare. Essere perfetta e magrissima. Non riesci a pensare a altro. Guardi le tue compagne a ginnastica mentre corrono e le invidi per quanto sono magre e belle, le gambe filiformi, la pancia piatta, le ossa in bella mostra, senza un filo di grasso. Che invece abbonda sulle tue gambe, sul tuo culo lardoso, sulle tue braccia, su quella cosa orrenda che chiami pancia. Dappertutto sei piena di grasso. Schifoso lurido grasso. E te come una cogliona ti giustifichi a ginnastica nonostante abbia portato sia i pantaloni che le scarpe perché ti senti un bue a correre, una specie di lottatore di sumo, fiacco, impacciato e grondante di grasso. Alla prof dici che ti giustifichi perché non ti senti bene. Beh, non è così lontano dalla realtà. Infatti io NON sto bene. Per niente.

More

DIETRO AL DISTURBO ALIMENTARE

DIETRO AL DISTURBO ALIMENTARE
Commenti disabilitati su DIETRO AL DISTURBO ALIMENTARE

Il disturbo alimentare altro non è che il fenomeno periferico di un disturbo della relazione dietro il quale si nasconde un importante problema psicologico. Infatti, nella mente del ragazzo o della ragazza con disturbi alimentari, l’oggetto-cibo ha preso il posto di un Tu di riferimento umano. L’oggetto-cibo è controllabile, non abbandona, non tradisce, non castra, non delude. Per conquistarlo basta infilare la testa prima nel frigorifero e poi nel cesso oppure fare come se il cibo non esistesse e la persona vive un surreale ed intenso momento di onnipotenza. Nell’esistenza di un malato di Dca il cibo occupa una funzione centrale, irreale, magica. Cibo: amato, odiato, onnipresente, centro di vita; di una vita ammalata. Cibo: oggetto di lussuria, specchio di narcisismo, metro di potenza del proprio sé e dell’attenzione che l’individuo riesce a suscitare nel prossimo. Controllo sul cibo equivale, nel bene e nel male, in politica come nelle relazioni umane, a controllo del proprio campo di dominio. Una persona con disturbo alimentare è un “diverso”. A volte è solo lei a sapere della sua “diversità” e ciò da un lato le conferisce un enorme senso di potenza (“…solo con la mia malattia sono importante, sono qualcuno. Senza di essa sarei nessuno, sarei come tutti!”). Ma, prima o poi, la “diversità” diventa palese. In fondo, il fine ultimo dell’essere “diversi”, è proprio quello di farsi riconoscere come tali (sennò, il sintomo che scopo avrebbe?).

More

LA DIPENDENZA DA CIBO

LA DIPENDENZA DA CIBO
Commenti disabilitati su LA DIPENDENZA DA CIBO

La domanda di una cura disintossicante per il tossicomane mostra una logica ricorrente sottostante che la riporta il più delle volte al suo punto di partenza.

  1. “Io mi drogo e soffro nel drogarmi.
  2. Vorrei smettere.
  3. Perciò desidero una cura disintossicante”.
  4. Trova una risposta favorevole.
  5. Durante la cura, egli esprime la sua sofferenza: “questa cura io l’ho voluta, ma ciononostante io soffro di astinenza.
  6. Dal momento che soffro di astinenza, datemi un sostituto.
  7. Ma evidentemente non me ne date abbastanza dal momento che soffro.
  8. Il sostituto non è mai abbastanza potente, a meno che non sia rimpiazzato dalla…droga.
  9. 0 1. Mi drogo … mi drogo”.

Questo circuito descritto a proposito del tossicomane in realtà è molto simile alla dipendenza da cibo, nella bulimia e binge. La persona vorrebbe smettere di abbuffarsi, cosa per cui soffre a causa dei sensi di colpa, della vergognosa sensazione di mancanza di controllo, del peso eccessivo. Ma non basta la volontà e la decisione di smettere, a volte non basta nemmeno una cura. Perché si entra nello stesso circolo vizioso, di sindrome da astinenza: il cibo aveva la sua funzione, quale che essa fosse, di lenire l’ansia, di consolare, di strumento contro l’angoscia, di far dimenticare il resto, eccetera. Venendo a mancare il meccanismo consolatorio del cibo, la persona soffre, anche se è in cura fatica a trovare altri modi per lenire l’ansia e tollerare le sue emozioni, non trova un sostituto valido e abbastanza potente, continua a soffrire, questo crea rabbia, quindi ritorna sul cibo, l’unica sostanza che conosce come aiuto alla sua psiche affaticata. E così rientra nel circolo, e sentendosi ancora più in difetto per esserci ricaduta, riprende a “farne uso” anche con maggior accanimento, sempre più deluso da se stesso e allo stesso tempo sempre più bisognoso di cibo per sentirsi meglio, e poi di nuovo peggio e così via.

Come interrompere questo doloroso gioco senza fine? Può essere utile imparare attraverso una terapia a convivere con i sentimenti negativi, a imparare come gestirli. Ma soprattutto essere consapevoli che uscirne è difficile, da soli praticamente impossibile, che ci vuole tempo e pazienza, che è facile rientrare nella logica ricorrente del tossicomane, serve la capacità di sapersi perdonare se non si riesce a uscire dal circolo fallimentare. Bisogna sperimentare nuove modalità di relazione -in primis quella terapeutica- che facciano riscoprire cosa significa star bene, smettendo di considerare solo il cibo l’oggetto e il destinatario di qualsivoglia emozione.

 

More