All posts in Proposte di cura

LA CONCLUSIONE DELLA CURA

LA CONCLUSIONE DELLA CURA
Commenti disabilitati su LA CONCLUSIONE DELLA CURA

“La terapia non è conclusa fino a quando i pazienti non hanno riscritto le proprie storie in modo da conferire alle proprie vite qualità di coerenza, empatia e sicurezza. Soltanto dopo essi potranno creare per se stessi nuovi script e, dal momento che saranno diventati in grado di cambiare i vecchi pattern e di agire in maniera diversa rispetto al passato, potranno iniziare a improvvisare, ovvero rischiare di fondare le proprie azioni su nuove situazioni invece che su vecchi miti”.

Mi piace citare queste parole di Byng-Hall, riferite alla conclusione di una terapia.

Spesso mi chiedo (e lo chiedono anche le madri e le famiglie che mi si rivolgono in cerca di aiuto): nei disturbi alimentari, cosa significa ‘stare meglio’? Il puro e semplice aumento di peso da solo, lo smettere di vomitare, la perdita di peso in eccesso, la perdita di ossessioni sul cibo, hanno un valore limitato come criteri per valutare la guarigione, per quanto desiderabili possano essere come primi passi e importanti come aspetti della cura. Altre questioni sono di importanza ben maggiore. È molto più semplice e soprattutto utile aiutare il paziente a riscrivere la sua storia e a creare nuovi copioni -come dice Byng-Hall- attraverso un intervento tempestivo sul significato del sintomo alimentare nel contesto evolutivo e relazionale e sulla funzione del disturbo nelle dinamiche familiari. Concentrare l’attenzione sul peso e sui modelli alimentari, manifestazioni del sintomo che spesso le pazienti sbandierano come prioritarie e sulle quali intervenire, non fa altro che cronicizzare il disturbo e rafforzare dinamiche conflittuali patologiche tra genitori e figli che ne derivano, oltre che non permettere di analizzare le vere problematiche che stanno sotto la superficie dell’iceberg rappresentato dal disturbo alimentare (come da qualsiasi altro sintomo). Questo è quanto io ho potuto vedere e constatare nella mia pratica terapeutica e che mi fa procedere con convinzione sulla strada della terapia sistemica. A volte qualcuno mi chiede se non sia pesante e frustrante trattare con questo genere di disturbo: devo ammettere che spesso lo è, ma ciò che non mi fa perdere la voglia e la passione di andare avanti credo sia proprio il modello sistemico. Laddove vecchi miti e vecchi pattern sembrano tenere prigioniero il paziente in una strada senza via di uscita, tale modello, allargando il punto di vista e includendovi la famiglia, apre nuove prospettive, facilita il cambiamento di premesse e permette a me come terapeuta di aiutare chi mi sta di fronte a improvvisare nuovi, funzionali e virtuosi modi di affrontare la vita.

 

More

ANORESSIA, BULIMIA O BINGE? UN TEST

ANORESSIA, BULIMIA O BINGE? UN TEST
Commenti disabilitati su ANORESSIA, BULIMIA O BINGE? UN TEST

Dottoressa…è anoressia? Bulimia? Binge? Ho veramente un problema?

Molti rivolgono preoccupati questa domanda. La commissione del Ministero della Sanità sui Disturbi del Comportamento Alimentare propone un test per aiutare ad individuare se se stesso, un figlio, un alunno, un amico nasconde i sintomi della malattia. Queste semplici domande possono essere un valido aiuto, iniziale, per quanti ritenessero di trovarsi di fronte ad un caso di Disturbo del Comportamento Alimentare.

  1. Ti pesi più di 2 volte alla settimana?

  2. Quando mangi ti capita di pensare alle calorie?

  3. Ti senti in colpa dopo aver mangiato?

  4. Se ti guardi allo specchio, guardi sopratutto pancia e cosce? oppure spesso non riesci a guardarti allo specchio?

  5. Il tuo peso influenza il tuo umore?

  6. Quello che mangi influenza il tuo umore?

  7. Il tuo peso influenza la tua disponibilità a frequentare i coetanei?

  8. Il tuo ciclo mestruale è irregolare o assente?

  9. Mangi grandi quantità di cibo con la sensazione di perdere il controllo, indipendentemente dal senso di fame?

  10. Ti capita di provocarti il vomito o di desiderarlo dopo avere mangiato?

  11. Se mangi di più di quello che ritieni necessario per te, cerchi di ridurre i pasti successivi?

  12. Fai uso di diuretici o lassativi o farmaci per dimagrire?

  13. Fai attività fisica per bruciare calorie o con la sensazione di non poterne fare a meno?

  14. Dedichi al cibo troppo tempo dei tuoi pensieri?

  15. Non riesci a parlare con nessuno dei tuoi problemi?

  16. Hai un indice di massa corporea inferiore a 18,5 o superiore a 25?

  17. Hai una intensa paura di ingrassare?

Se le risposte positive sono almeno 4 potrebbe essere utile parlare con un esperto, o se vi ritrovate anche solo in una di esse e pensate che la cosa stia diventando problematica, cercate un aiuto al più presto.

 

More

ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA E AUTOSABOTAGGIO

ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA E AUTOSABOTAGGIO
Commenti disabilitati su ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA E AUTOSABOTAGGIO

Le persone con un disturbo da alimentazione compulsiva hanno spesso paura di star bene, di star bene davvero. Durante un percorso di dieta riescono a perdere anche dei chili, ma quasi sempre vengono presto recuperati. Le persone con alimentazione incontrollata il più delle volte sono state ragazzine un po’ cicciottelle fin dalla tenera età, magari messe a dieta già giovanissime, vittime di derisioni e scherni, affrontati molte volte ridendoci su e sdrammatizzando, mentre dentro di loro ne soffrivano parecchio. E così si sono create un’immagine, di quella sovrappeso, un personaggio quasi, che si difende dalla sua emotività dietro lo strato di ciccia, i chili di troppo e il mangiare tanto, e l’idea di cambiare rotta, di vedersi finalmente normopeso e mangiare poco, spaventa! Come qualsiasi cambiamento, anche il perdere peso e l’abbandonare la consolazione del cibo fa paura: significa intraprendere una strada nuova, mai provata, che può essere positiva, ma può comportare anche dei rischi, nessuno sa cosa si può trovare e provare nella nuova via e visione di sé. Allora è più rassicurante rimanere sul sentiero già noto e conosciuto, dove ci si sente al sicuro, al riparo dalle delusioni e dalle incognite, da ciò che non si conosce e che può far paura. Inoltre, l’idea di poter riprendere il peso magari perso con molta fatica e impegno, porta con sé un tale terrore da non tentarci nemmeno: “e se poi, dopo tanti sacrifici e fatiche, riprendo i chili che avevo perso?”.

More