Spazio Blog

FAME NERVOSA

FAME NERVOSA
Commenti disabilitati su FAME NERVOSA

Spesso il cibo, in quella che viene comunemente chiamata fame nervosa, viene usato per elaborare i propri sentimenti. Si può usare il cibo per alleviare lo stress, mangiare per fame nervosa fa cadere in una specie di trance o fa smettere di provare sentimenti. Mangiare e sgranocchiare qualcosa è piacevole, non si può negare, e mangiare per fame nervosa (a volte senza riuscire a smettere) fa smettere di provare sentimenti. La voglia smodata di cibo che nasce con la fame nervosa inizia da un’emozione, che sia positiva o negativa, e a volte è difficile identificarla da soli, ma serve un aiuto per capire perché si cerca qualcosa da mangiare anche se non si ha fame e perché si continua a mangiare, quando sembra che non sarà mai abbastanza. Nella fame nervosa si prova un grande senso di sollievo mentre si mangia, si mangia per rilassarsi o per non annoiarsi, ci si sente quasi sempre emotivamente vuoti pur essendo fisicamente ben nutriti. Tuttavia mangiare per fame nervosa fa venire forti sensi di colpa, in quanto lo si fa per cercare sollievo, non per saziare la fame fisica. Tutti, in un determinato momento, abbiamo provato la fame nervosa: uomini, donne, adolescenti, bambini, praticamente chiunque, in proporzioni diverse, può usare il cibo per regolare le proprie emozioni. Per alcuni la fame nervosa è un problema raro e di scarsa entità, che si verifica in occasioni limitate, mentre per altre persone la fame nervosa è una battaglia cronica quotidiana, mangiano per trovare conforto così spesso da rimanere intrappolati in un circuito vizioso da cui non riescono a uscire da soli, ma solo con un aiuto adeguato. Soprattutto vivono sommersi nei propri sensi di colpa per aver mangiato per fame nervosa, che a volte causa anche un aumento di peso. Mangiare è piacevole solo fino ad un certo punto, quando si continua a sgranocchiare pur sentendosi sazi, il benessere si trasforma rapidamente in disagio. A volte intercorre un lasso di tempo tra il piacere che si prova mangiando e le reazioni fisiologiche del corpo dopo aver assunto e digerito il cibo, per non parlare del fatto che il valore di conforto e di piacere dato dal mangiare svanisce in fretta, mentre rimangono i sensi di colpa e i vissuti di inadeguatezza per la propria forma fisica e per i propri comportamenti. Sgranocchiare qualcosa può distrarre temporaneamente dalle preoccupazioni, ma i sentimenti sottostanti tornano subito dopo. Provate a cercare un aiuto esperto se la fame nervosa sta diventando un problema frequente e fastidioso…

Per domande o commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it