All Posts tagged alimentazione compulsiva

ABBUFFATE E BINGE EATING

ABBUFFATE E BINGE EATING
Commenti disabilitati su ABBUFFATE E BINGE EATING

Un numero sempre più alto di persone si ritrova a soffrire di binge eating disorder, ossia disturbo da alimentazione incontrollata. Spesso questo problema comincia a partire da una dieta o da un periodo di eccessiva restrizione alimentare, oppure inizia in seguito a un momento difficile come la perdita del lavoro, una crisi affettiva, stress, ansia, solitudine, noia…Le emozioni e le sensazioni che vengono provate e non si riescono a gestire altrimenti vengono scaricate sul cibo, e si pensa di non avere una strategia alternativa per superare questi momenti difficili. All’inizio le abbuffate sono egosintoniche, ovvero donano benessere e sollevano in modo piacevole, senza ancora causare disagio o danno al soggetto; ma questo breve periodo di “luna di miele” dura ben poco e dopo qualche tempo la persona con binge eating si scopre angosciata e preda del problema, senza riuscire a liberarsene, assolutamente al di fuori del proprio controllo. Spesso la presa di consapevolezza che il binge eating e le abbuffate siano un problema avviene a causa di un repentino aumento di peso, oppure quando si avverte che non si riesce più a smettere con la compulsione all’eccesso di cibo. 

More

BINGE EATING E ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA

BINGE EATING E ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA
Commenti disabilitati su BINGE EATING E ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA

Nel Binge Eating e nel disturbo da alimentazione incontrollata emergono alcuni tratti tipici caratteristici di questo nuovo problema. In primo luogo ci sono gli insuccessi nella perdita di peso: tante diete, farmaci per perdere peso, sbalzi di peso (effetto yo-yo). Le ripetute variazioni di peso portano inesorabilmente a una desincronizzazione degli stimoli biologici di fame e sazietà, a una modificazione della composizione corporea a danno della massa magra e allo sviluppo di un alterato comportamento alimentare. L’effetto principale sul piano organico è la tendenza a mangiare fuori dai pasti, durante la notte o a spizzicare continuamente durante il giorno. In questa condizione di forte instabilità, per compensare l’introito calorico in eccesso, si inizia a saltare qualche pasto oppure a digiunare. Questi comportamenti sono pericolosi in quanto l’organismo viene disorientato dall’alterazione dei ritmi fisiologici. Molto spesso non si ha la percezione del cibo assunto e per questo si tende a sottostimare l’entità dell’introito energetico. In tale contesto, la relazione con il cibo si carica di significati contrastanti: da un lato il cibo è nutrimento, dall’altro consolazione.

More

BINGE EATING: UNA TESTIMONIANZA

BINGE EATING: UNA TESTIMONIANZA
Commenti disabilitati su BINGE EATING: UNA TESTIMONIANZA
Oggi condivido una mail di una ragazza che soffre di binge eating disorder, per capire che non si è gli unici, che nel sintomo tutti vivono le stesse cose, che cercando un aiuto si può uscirne…

“Difficilmente la gente capisce realmente cosa provo. Ora tutti pensano che io stia bene, gli basta vedere che non sono più sottopeso per pensarlo. Non è proprio così. Io continuo a contare le kcal, continuo  preferire un’insalata ad una pizza. Davanti ai miei mangio poco. Se mangiassi realmente così poco, con il mio metabolismo e con le mie ore passate in palestra a bruciare calorie, dubito che peserei davvero così tanto.

Ora sono arrivata ad essere decisamente sovrappeso, e tu non sai, non sai quanto possa pesarmi scriverti questa parola “sovrappeso”. Cancello e riscrivo, cancello e la riscrivo. E’ così.
Sai da cosa dipende? Dal fatto che io passo intere giornate da sola, a parte quando ho impegni; i miei vanno al lavoro, mio fratello esce. Io frequento un liceo, dunque c’è molto da studiare, eppure mi prendo quelle due ore dopo pranzo, in solitudine: mi metto davanti alla tv e sazio quel buco, quel vuoto, ci metto dentro di tutto, non ne ho voglia, eppure continuo a farlo. Mando tutto al diavolo e continuo, e più continuo e più mi rendo conto di aver mandato tutto al diavolo, allora esagero. Come se si spegnesse la lampadina della ragione. Poi studio e vado in palestra. La sera un grande sorriso e tutti insieme a cena.
Difficilmente la gente sa cosa mi passa per la testa. Non sai quanto vorrei essere un’altra persona. Una di quelle normali, che non contano le kcal, che la palestra la frequentano per hobby e non per bruciare. Dunque forse nutro in me una speranza, vorrei che qualcuno mi portasse fuori da questo vortice malato.

Scrivo perché sono nel pieno di una delle mie frequenti crisi, ed in questi momenti si è soli. Del tutto soli.

Questa mattina mi sono svegliata, non ho fatto colazione, a pranzo ho mangiato normalmente, poi sono uscita di corsa. Ero contenta perché sapevo che avendo la giornata piena non sarei ricaduta…nel “vortice”. Tornando a casa mi figuro il da farsi: entrare, fare la borsa della palestra e riuscire immediatamente. Decido di non andarci, in palestra. Non avevo assolutamente fame, eppure volevo qualcosa di più…volevo abbuffarmi e mandare tutto al diavolo. Quella giornata era stata troppo perfetta. Così scendo al supermercato e compro 3 barrette di cioccolato, torno su e mangio. Finisco una barretta, poi un’altra metà. Inizio a sentirmi male, ma continuo. Per cena (con il sorriso, come ti dicevo) mangio e quasi mi viene da piangere. Nella mia testa già penso a domani, alle kcal che ingerirò, al pranzo che salterò.
In questi momenti sono sola, perché ovviamente non posso parlarne con chi non sa del mio problema, ma non posso parlarne nemmeno con chi ha il mio stesso problema, perché mi vergogno di ciò che sono diventata. Io che nemmeno li guardavo in faccia gli scaffali del cioccolato. Perché mi riduco così? Cosa c’è di sbagliato in me? Aiutami…”
Per commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it
More