All Posts tagged consigli

AUTOSTIMA E GIUDIZI

AUTOSTIMA E GIUDIZI
Commenti disabilitati su AUTOSTIMA E GIUDIZI

Ti trovi spesso ad affrontare giudizi che minano la tua autostima e fanno vacillare la tua sicurezza? Ecco 10 consigli per affrontare i giudizi:

  • I giudizi sono indicativi, dei racconti. I giudizi sono spesso una proiezione delle insicurezze, delle paure e delle preoccupazioni di qualcuno. Come qualcuno ti giudica dice più di LORO di quanto non faccia a proposito di te.
  • Inizia con te stesso: quando noti un’autocritica che si insinua, concediti una leggera spinta mentale e dì: “Oh, c’è di nuovo quel fastidioso critico interiore”. Quindi, segui con una dichiarazione compassionevole “sto bene, proprio così come sono io!”. “Un giorno trascorso a giudicare un altro è un giorno doloroso. Un giorno trascorso a giudicare te stesso è un giorno doloroso.” Buddha
  • Non credere al critico interiore. Ricorda: un pensiero NON è un dato di fatto. Solo perché lo pensi, non significa che devi crederci. Solo perché qualcuno lo dice, non significa che sia un dato di fatto.
  • Comprendi il dolore. Se un commento o un giudizio colpisce un nervo, c’è spesso qualcosa che ha bisogno di essere guarito. Spendi le tue energie per capire perché fa male invece di preoccuparti dei commenti degli altri.
  • Chiamali fuori. Non va bene essere un bullo. “Le tue dichiarazioni sono dolorose. Possiamo parlarne?”
  • Non importa cosa pensano, è cosa pensi di te stesso. Chiediti se stai seguendo i tuoi valori e le tue credenze. Se è così, lascia che sia la fine della storia! Non dare alle persone che non contano davvero la tua energia emotiva o il tuo tempo.
  • Sii curioso, non critico. Invece di esprimere un giudizio (questo è male …) poni domande sulla situazione (mi chiedo perché avrebbe dovuto…).
  • Ricorda il tuo numero di scarpe: nessuno può giudicarti se non cammina con le tue scarpe. Le persone non conoscono l’intera storia: tutti facciamo ipotesi quando non abbiamo tutte le informazioni e riempiamo le lacune con la nostra esperienza/convinzioni.
  • Non meglio o peggio, solo diverso. Spesso ci confrontiamo con gli altri facendo giudizi di valore (buono contro cattivo o migliore contro peggiore). Smetti di usare le categorie tutto o niente. Riconosci e descrivi le differenze, piuttosto che classificarle.
  • Semplicemente ignora. Può essere più facile a dirsi che a farsi, ma spesso è il modo migliore per rispondere a chi odia. “Ignora i fischi, spesso vengono dai posti a sedere economici.” Anonimo

(Fonte: Susan Albers)

Per domande o appuntamenti, scrivi a info@spazioaiuto.it

More

DISTURBI ALIMENTARI E FAMILIARI

DISTURBI ALIMENTARI E FAMILIARI
Commenti disabilitati su DISTURBI ALIMENTARI E FAMILIARI

Quando ci si trova vicino ad una persona che soffre di un disturbo alimentare viene naturale porsi delle domande sul come comportarsi e gestire molti aspetti della vita di tutti i giorni. Cosa fare di fronte ad un partner che si abbuffa? (anche se spesso lo fa di nascosto, ma non potendo fare gli struzzi, ci si accorge…) Bisogna costringere o no un figlio a mangiare? Bisogna far notare ad un amico che sta aumentando troppo di peso? Come regolarsi in casa con la spesa, la preparazione di cibi, la loro assunzione? Cosa fare se si scopre che un figlio fa uso di farmaci come lassativi e diuretici o adotta misure di compensazione come il vomito? Sono soltanto alcune delle domande che parenti, familiari, amici di persone con disturbi alimentari si pongono quotidianamente. Spesso essi cercano di risolvere i problemi alimentari cercando di modificare o controllare il comportamento dei loro cari. Eppure questo tipo di intervento non funziona quasi mai! Infatti non appena il controllo di indebolisce, e se non si è cercato di modificare la motivazione al cambiamento della persona in questione, il suo comportamento torna come prima, se non addirittura peggiorato: chi restringe digiunerà ancora di più se non controllato e chi mangia in maniera compulsiva si abbufferà appena ne avrà l’occasione. Uno dei principali problemi di una persona con disturbi alimentari è proprio un problema di controllo, vivono con l’angoscia dell’ossessione del controllo (del peso e di ciò che mangiano) o con la paura di perderlo! Quindi pensare di poterli battere in una partita sul controllo è una battaglia persa in partenza. Allora è necessario imparare a tollerare i sentimenti di impotenza, frustrazione, inutilità, rabbia che le persone con disturbi alimentari suscitano nelle persone che li circondano, trovando dei modi per sopravvivere emotivamente ad un amico o familiare con disturbi alimentari. Bisogna innanzitutto accettare il fatto che questi problemi non possono essere guariti all’istante, ma necessitano di una paziente terapia. In secondo luogo si devono stabilire regole di convivenza che possono aiutare a gestire questi problemi con minore ansia e difficoltà, ad esempio lasciare che ognuno decida da sé cosa vuole o non vuole mangiare senza condizionare gli altri nelle sue scelte alimentari, ma nemmeno che un genitore compri cibi speciali per invogliare a mangiare chi restringe o eviti di comprarne per non invogliare a fare abbuffate, si può continuare a comportarsi nelle scelte alimentari come se il problema cibo non fosse così invasivo nella vita quotidiana e senza che i momenti dei pasti diventino campo di battaglia. Se desiderate maggiori consigli, cercate l’aiuto di un esperto.

Per domande o appuntamenti, scrivi a info@spazioaiuto.it 

More

MANGIARE IN VACANZA

MANGIARE IN VACANZA
Commenti disabilitati su MANGIARE IN VACANZA

Nel prossimo incontro di mindful eating faremo insieme esercizi e riflessioni su come mangiare in vacanza senza rinunciare ai piaceri del cibo, concedendosi un po’ di tutto, senza restringere troppo né eccedere col cibo, col risultato di rinunciare ai buoni sapori della tavola o viceversa sentirsi gonfi e pieni di sensi di colpa.

Nel contesto del gruppo, in cui le esperienze e i feedback degli altri partecipanti aiutano a riflettere su sé stessi e sulle proprie modalità riguardo all’alimentazione, potrete condividere buoni propositi, idee e nodi problematici rispetto al cibo e a come viverlo durante le vacanze.

Di seguito trovate un video che spiega e presenta il percorso di mindful eating, che insieme alla nutrizionista Gabriella De Miranda conduco da più di un anno, con particolare riferimento al prossimo incontro “Mangiare in vacanza”:

https://www.facebook.com/376771739113301/posts/1155781564545644/

Ci sarà un piccolo buffet per mettere in pratica gli insegnamenti di Mindful Eating che vi proponiamo, quindi venite a stomaco vuoto…

Per informazioni o iscrizioni, scrivi a info@spazioaiuto.it

 

 

 

More
Facebook
Instagram