All Posts tagged difficoltà

RELAZIONI E CRISI DI COPPIA

RELAZIONI E CRISI DI COPPIA
Commenti disabilitati su RELAZIONI E CRISI DI COPPIA

Perché oggi le relazioni e le coppie vanno spesso in crisi? Perché mantenere una relazione è difficile?

Innanzitutto, oggi non siamo pronti a fare sacrifici, a scendere a compromessi, vogliamo che tutto sia facile. Al primo ostacolo, tutto crolla…Spesso non è l’amore che cerchiamo, ma solo passione e brivido. Siamo immersi in tutto ciò che è insignificante e nella nostra frenetica vita non abbiamo la pazienza di gestire una relazione; quindi, se la coppia dà qualche segno di crisi, meglio lasciarsi. Cerchiamo soddisfazione immediata dalle relazioni, mentre i legami emotivi di una coppia impiegano anni per crearsi, insieme ad un senso di appartenenza simile a quello sperimentato nelle famiglie di origine. Ci piace avere scelta, siamo a volte golosi e ci separiamo non appena troviamo qualcuno di più attraente. La tecnologia ci ha avvicinato, tanto che spesso non abbiamo più bisogno di passare del tempo insieme o di condividere dal vivo le cose. Siamo una generazione errante: la routine ci soffoca, fatichiamo ad immaginare tutta la nostra vita con una sola persona. Siamo una generazione sessualmente libera, i tradimenti non sono più visti come così proibiti. Siamo una generazione pragmatica, non sappiamo più commettere piccole follie, quelle che tengono vivo un amore e accesa la passione. Siamo una generazione terrificante e terrorizzata dall’idea di avere un impegno sentimentale serio e dall’essere ferita. Meglio rompere le relazioni che vivere le sofferenze che la vita di coppia spesso comporta: cerchiamo l’amore, ma fuggiamo appena esso appare perché non vogliamo essere vulnerabili né penare. A volte lasciamo che persone meravigliose escano dalla nostra vita senza provare a trattenerle perché pensiamo che la fatica di vivere le relazioni di coppia sia troppo ardua per noi e così perdiamo il valore della sacralità dell’amore…

Che fare allora? La vita di coppia e le relazioni amorose si basano su quattro pilastri, è bene tenerli presenti se si vuole evitare una crisi:

  • Attrazione fisica, passione. Come posso fare per tenerli vivi? Cosa significa se mancano, perché non ci sono più?
  • Disponibilità a un per sempre. Cominciamo le nostre relazioni di coppia con l’idea che appena le cose non funzioneranno ci lasceremo o siamo disposti a vederle nell’ottica del per sempre?
  • Stima di fondo. Quanto ho stima del mio partner? E se non ne ho più, perché è scemata?
  • Pazienza di ricominciare. Sono disposto a ricominciare quando le cose non funzionano o abbandono subito il campo? Proviamo a farci aiutare prima di mollare tutto e decretare la fine delle relazioni?

Se queste quattro gambe del tavolo sono presenti nelle vostre relazioni, ma se una di esse vacilla, oppure se sentite che qualcuna sta venendo a mancare, è bene cercare un aiuto, una terapia di coppia, prima che il tavolo si ribalti…

Per domande o commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it

More

ADOLESCENZA E DIFFICOLTA’

ADOLESCENZA E DIFFICOLTA’
Commenti disabilitati su ADOLESCENZA E DIFFICOLTA’

In adolescenza, di fronte ai numerosi cambiamenti e sfide che la crescita di un figlio comporta, i genitori spesso si rendono conto di sentirsi in crisi e di quanto tristezza e delusione rischino di diventare pervasive, uniche reazioni emotive di fronte ai problemi e ai fallimenti dell’adolescenza. E’ chiaro che se un figlio in adolescenza sbaglia o fallisce non c’è da stare allegri o da scherzarci. Ma allo stesso tempo può risultare molto pericoloso lasciarsi travolgere dalla tristezza che colora di nero tutto ciò che accade in adolescenza. A volte i genitori arrivano a pensare che il fallimento di un figlio coincida con il fallimento della propria vita. E’ fondamentale, invece, tenere in considerazione due aspetti fondamentali:

  • nessun fallimento è totale o per sempre. A volte sbagliare serve, e l’esperienza dello sbaglio, se ben elaborata, può diventare un elemento fondamentale su cui ricostruire il proprio recupero;
  • nessuno è l’errore che fa. Davanti a un figlio adolescente che ha commesso una stupidaggine, un genitore potrà provare inizialmente la tentazione di assalirlo, dicendogli quanto lo ha deluso, o che è un buono a nulla e così via. In questo caso, invece di ragionare insieme sull’errore commesso (“guarda cosa hai fatto e perché hai fatto in questo modo”) si finisce per concentrare sull’individuo, e non sullo sbaglio commesso, i peggiori aggettivi. Questo fa sentire un figlio adolescente che ha sbagliato una persona totalmente sbagliata, con lo sviluppo di un disastroso modello di autostima personale.

Quando in adolescenza i figli commettono errori o mettono in atto comportamenti totalmente sbagliati, i genitori non vanno colpevolizzati, ma aiutati a comprendere i figli, a vederli con un paio di occhiali diversi, ad accompagnarli verso la loro affermazione come individui autonomi e indipendenti. I genitori devono imparare a non caricarsi di eccessive responsabilità, l’adolescenza è un processo difficile in cui ciascuno, genitore e figlio, deve mettere in conto ostacoli, errori, difficoltà, emozioni negative. Un genitore deve imparare a “stare alla finestra” della vita di un figlio, guardandolo crescere, sperimentare, sbagliare, capace di intervenire al bisogno e di accettare errori e difficoltà, con la consapevolezza che, superata questa stagione della vita, il figlio avrà trovato se stesso e saprà chi è anche grazie ai genitori che ha avuto (Fonte: Alberto Pellai).

Per domande o commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it

More

CRISI DI COPPIA

CRISI DI COPPIA
Commenti disabilitati su CRISI DI COPPIA

Quando c’è crisi di coppia? Quando accade che due persone attraversino una crisi di coppia? Perché due persone che fino al giorno prima si piacevano tanto e dicevano di amarsi, all’improvviso c’è crisi di coppia e non si vogliono più vedere? Per capire ciò è necessario vedere come nasce la coppia, cosa ha portato a unirsi come coppia…

Quale forza misteriosa spinge due persone di solito sconosciute a unirsi superando tanti ostacoli, per iniziare quella avventura esistenziale così complessa com’è la formazione di una coppia? Quale alchimia particolare fa sì che due persone si trovino in uno stato di grazia che li fa levitare, essere al  di sopra dei comuni mortali? L’amore romantico è quella relazione amorosa che riveste caratteristiche singolari. Si dice che si sentono le farfalle nello stomaco ad esempio. La divina mania (theomanìa), come la chiamavano i greci, è quello stato che si impossessa delle persone scatenando una serie di reazioni psicologiche particolari: occhi brillanti, tachicardia, torrenti di endorfine, stomaco chiuso. Sconvolge le persone provocando il “mal d’amore”, una sorta di parziale alienazione e di scomparsa dei confini tra l’Io e il soggetto. Quando ci si innamora e si forma una coppia si entra in uno stato quasi delirante. La ruminazione costante, il pensarci sempre, la depressione e il senso di perdita quando l’essere amato non c’è o l’euforia di fronte ai minimi segnali della sua esistenza (una parola, una telefonata, un messaggio, un gesto, una e-mail), il restringersi della coscienza a ogni pensiero o sentimento che non riguardino l’essere amato, ricordano le caratteristiche di uno stato quasi delirante. Secondo Platone e il mito dell’androgino, ogni metà cerca disperatamente l’altra per il mondo, e se per caso esse si incontrano, giungono a quello stato di fusione totale, in cui non ci sono più problemi, dove si arriva a vissuti di completezza e di euforia che fanno pensare agli stati di alterazione della coscienza e dell’umore. L’ideale dell’amore romantico, la fantasia di una coppia, alimentata nei secoli da poeti e drammaturghi che promuovono l’idea che due persone siano una, sembrerebbe essere la fusione indiscriminata. Invece nella realtà questa illusione è proprio ciò che fa nascere una crisi di coppia, in quanto la fusione è pura follia, l’amore romantico non può durare in eterno, anche in una coppia l’alterità rimane una condizione essenziale e fondamentale. Quindi perché una coppia possa sopravvivere, l’amore romantico deve trasformarsi in qualcos’altro…l’amore maturo è forse quel delicato processo attraverso il quale ti accompagno all’incontro con te stesso. In una relazione di coppia che funzioni bene, l’amore è una dimensione evolutiva, nel senso che è donazione e completamento dell’altro nella creazione di un rapporto che sia basato sulle condivisioni delle vulnerabilità, sulla crescita dell’intimità e sul dialogo. Come l’amore romantico è destinato a scemare o a scomparire, così l’amore all’interno di una coppia può invece crescere nel tempo, aumentando quella dimensione di reciproco prendersi cura. Probabilmente il primo passo importante all’interno di una coppia è il reciproco aiuto che ognuno dà all’altro nel graduale distacco dalla propria famiglia di origine, titanico lavoro che a volte non finisce mai e che sempre condiziona l’andamento di una coppia.

Quindi spesso compare una crisi di coppia perché quando si sente venir meno l’amore romantico, l’intesa perfetta e l’emozione dei primi tempi, si pensa che tutto sia finito e che la coppia debba separarsi. Invece il passaggio dall’amore romantico a una fase più matura di relazione di coppia è necessario, ma a volte è utile un aiuto esterno per capire che non è tutto un errore e come poter crescere reciprocamente insieme nella coppia, nonostante incomprensioni e difficoltà insorte strada facendo.

Per commenti o domande, scrivi a info@spazioaiuto.it

More