All Posts tagged parlare

TERAPIA E DISTURBI ALIMENTARI

TERAPIA E DISTURBI ALIMENTARI
Commenti disabilitati su TERAPIA E DISTURBI ALIMENTARI

I disturbi del comportamento alimentare sono un tentativo di cura di sé per sviluppare un senso di auto-efficacia personale. Il dolore non espresso e negato prende forma nella malattia dove il cibo sostituisce l’altro. Di fronte a un disturbo alimentare bisogna chiedersi: cosa ha condotto la persona a quel punto? A cosa le serve il sintomo? La persona non lo sa del tutto, ma insieme al terapeuta si possono trovare soluzioni meno disfunzionali di quella anoressica/bulimica/binge. È necessario lavorare su due punti focali:

  • qual è il rapporto di fondo che questo soggetto intrattiene con l’altro? Quale modalità di relazione possiede?

  • quale modalità di godimento caratterizza questo soggetto?

La cura dell’ossessione alimentare è una clinica dell’ascolto, una ricerca del singolare e dell’unico, un interesse all’altro in ciò che è inedito. Il sintomo alimentare è una risposta che il soggetto si dà a qualcosa che non controlla e non domina. Nella terapia è bene ascoltare ogni caso, ogni storia come se fosse la prima, mirando a ciò che si cela dietro al sintomo presentato, il quale rappresenta una modalità di godimento che crea sofferenza ma anche piacere inconscio. Bisogna poi aprire la porta del desiderio soggettivo, non lasciare che il paziente si accomodi sulla terapia, ma portarlo a fare i conti con la sostanza del desiderio celato e negato nel disturbo.

I disturbi del comportamento alimentare manifestano un disagio esistenziale che investe certamente il piano dell’alimentazione ma anche più radicalmente i rapporti del soggetto con l’immagine del suo corpo, con le sue emozioni più profonde, e più in generale le sue relazioni con gli altri e con i suoi familiari. Questi disturbi possono prendere forme diverse (anoressia, bulimia, obesità) e raggiungere differenti livelli di gravità. La tempestività dell’intervento è più importante nella prognosi insieme alla continuità delle cure rispetto alla gravità della psicopatologia. Non vi è alcun cervello che funzioni in condizioni corporee precarie e non vi è alcun corpo che possa sopportare profondi cambiamenti senza il sostegno della mente. Questo è lo spirito che guida il percorso di cura. Gli aspetti psicoterapici sono centrati sulla possibilità di motivare, sostenere e costruire il cambiamento, in modo tale da rendere i soggetti affetti da disturbi alimentari sempre più liberi, dai sintomi, dalle abitudini, dalle catene della malattia. La possibilità di trovare uno spazio di parola e di ascolto è la prima necessità, il poter parlare è il primo passo da compiere verso la guarigione.

More

COMUNICARE NEI DISTURBI ALIMENTARI

COMUNICARE NEI DISTURBI ALIMENTARI
Commenti disabilitati su COMUNICARE NEI DISTURBI ALIMENTARI

Purtroppo parliamo tanto e comunichiamo poco. Parlare è “superficie”, comunicare è “profondo”. Quando si vive in una società che, bene o male, premia la superficialità, allora la comunicazione va a farsi benedire. Quando chi ci “informa” da più peso agli amori delle star del rock che alla fame nel mondo, non dobbiamo stupirci se parliamo parliamo parliamo…Chi trova più il coraggio di comunicare? Ci hanno educati all’apparenza. E noi facciamo di tutto per apparire. Comunichiamo la nostra apparenza. La sostanza è da tenere ben celata dietro il ruolo dell’uomo-tutto-di-un-pezzo. Se questo “fenomeno” si limitasse alla sfera del sociale poco male. Ma siamo così abituati ad apparire, che la non comunicazione stigmatizza tutti i rapporti, anche quelli più intimi. La paura di perdere il nostro misero potere, il nostro inebriante senso di superiorità, ci paralizza. Arriva poi un giorno che, talmente aggrovigliati nella quotidiana mascherata, perdiamo il nostro Sé.

È il momento del terapeuta. Noi terapeuti ci guadagniamo da vivere sull’incapacità dell’essere umano di comunicare la sua essenza. Entriamo in scena quando il corpo non ne può più di apparire nelle vesti dell’impettito funzionario, solitamente taciturno, sobrio e controllato ed erutta un fiume di emozioni, di comunicazioni. Il “sintomo” comunica. Comunica, prima di tutto, l’incapacità di comunicare; poi la discrepanza, sempre attiva, tra pensiero e linguaggio: “Come potrei dire a mia moglie… a mia madre…questo o quello?”. Paura. Vigliaccheria. Meglio il “sintomo”! Mai perdere la faccia, il ruolo, il potere. Eppure, sarebbe così facile essere in armonia! Facile quanto essere onesti. Ma di questi tempi essere onesti è pericoloso. Meglio un “bel ruolo”. La verità non paga. Meglio il terapeuta che l’essere. Il mondo esterno è regolato dall’avere. Quando, un giorno forse, conquisteremo il coraggio di comunicare, “l’esterno” perderà molta della sua importanza. E allora comunicheremo. E taglieremo i “rami secchi”. E cominceremo a vivere in pace e, in pace, comunicheremo. Passeggiando per la nostra città vediamo visi corrucciati, persone indaffarate o perse in un mondo tutto loro. Se ascoltiamo dentro il crocchio sentiamo di frustrazioni, di donne o di uomini, sentiamo di storie di veline o di politicanti corrotti. Sentiamo di viaggi verso mete lontane e della difficoltà a trovare casa o lavoro. Sentiamo di disagi nella scuola, negli ospedali, nel rapporto con la pubblica amministrazione. Tutti parlano, nessuno comunica. Certo: far sapere, rendere comune chi siamo è pericoloso. Ne va del nostro status, ne va del nostro potere, ne va della nostra maschera. Meglio parlare. Parlare. Anche questo è un modo per fuggire alla solitudine che ci attanaglia. Parlare di tutto ma non di noi. Chi comunica mette in discussione, oltre se stesso, anche chi gli sta accanto. Chi comunica crea. Crea perché desidera appagare i propri bisogni. Crea perché vuole nutrirsi nel comunicare con il prossimo.

 

 

More