All Posts tagged vacanze

MANGIARE IN VACANZA

MANGIARE IN VACANZA
Commenti disabilitati su MANGIARE IN VACANZA

Nel prossimo incontro di mindful eating faremo insieme esercizi e riflessioni su come mangiare in vacanza senza rinunciare ai piaceri del cibo, concedendosi un po’ di tutto, senza restringere troppo né eccedere col cibo, col risultato di rinunciare ai buoni sapori della tavola o viceversa sentirsi gonfi e pieni di sensi di colpa.

Nel contesto del gruppo, in cui le esperienze e i feedback degli altri partecipanti aiutano a riflettere su sé stessi e sulle proprie modalità riguardo all’alimentazione, potrete condividere buoni propositi, idee e nodi problematici rispetto al cibo e a come viverlo durante le vacanze.

Di seguito trovate un video che spiega e presenta il percorso di mindful eating, che insieme alla nutrizionista Gabriella De Miranda conduco da più di un anno, con particolare riferimento al prossimo incontro “Mangiare in vacanza”:

https://www.facebook.com/376771739113301/posts/1155781564545644/

Ci sarà un piccolo buffet per mettere in pratica gli insegnamenti di Mindful Eating che vi proponiamo, quindi venite a stomaco vuoto…

Per informazioni o iscrizioni, scrivi a info@spazioaiuto.it

 

 

 

More

DISTURBI ALIMENTARI E VACANZA

DISTURBI ALIMENTARI E VACANZA
Commenti disabilitati su DISTURBI ALIMENTARI E VACANZA

I soggetti con disturbi alimentari non scelgono di ammalarsi e non scelgono questo tipo di disturbo per capriccio o desiderio di apparire come le modelle, ma arrivano ad esercitare il controllo estremo di sé (corpo, pensiero, emozioni) come tentativo di soluzione ad ogni altro problema o crisi. Se durante le vacanze aggredite il disturbo alimentare e canalizzate le vostre energie solo verso il sintomo (digiuno, abbuffate, vomito…) cercando di eliminarlo, non fate altro che alzare il livello di ansia, col risultato di sentirvi strappati al vostro rifugio e preda dei vostri veri problemi. Non dimenticate che il disturbo alimentare non va in vacanza, è un’ancora di salvezza preziosa per salvarvi da voi stessi, non potete strapparvelo via d’estate come se niente fosse, ma dovete cercare altre ancore di salvezza sane e solide, in primo luogo quella di cercare un aiuto nei momenti di fatica e difficoltà, con voi stessi e il vostro corpo. Potete sempre mandare una mail o un messaggio, anche qui info@spazioaiuto.it, 3389383650. Potete usare il ritorno dalle vacanze come momento prezioso per iniziare un percorso terapeutico o per riprenderne uno interrotto.

More

DISTURBI ALIMENTARI E VACANZE

DISTURBI ALIMENTARI E VACANZE
Commenti disabilitati su DISTURBI ALIMENTARI E VACANZE

Finalmente è arrivato il momento delle tanto attese vacanze: mare. sole, caldo, costume…Per chi soffre di un disturbo alimentare questo periodo può essere o diventare fonte di ansia e disagio! In primo luogo l’estate e le vacanze comportano il dramma di doversi scoprire, indossare un costume se si va al mare, quindi mostrare un corpo che per chi soffre di un disturbo dell’alimentazione e della nutrizione è nemico e causa di malessere. Considerato che la maggior parte delle persone affette da anoressia, bulimia o obesità non si vede bene col proprio fisico, non sta bene con se stessa e non si sente a proprio agio con il proprio corpo, il periodo estivo e le ferie rappresentano un momento pericoloso in cui questi sentimenti negativi vengono portati alla ribalta.

Inoltre l’uscire dalla routine quotidiana e dalle proprie abitudini porta con sé spesso anche un cambiamento nel regime alimentare: non si è più a casa propria, legati ai propri rituali (ossessivi) di alimentazione, ma in mezzo alla gente, con amici, quindi di fronte alla necessità di mangiare in modo diverso e spaventoso, che non si può controllare (“Come faccio ad andare nella cucina dell’albergo a vedere quanto olio mettono?” ad esempio). Oppure, nel caso dell’alimentazione incontrollata, in vacanza, ci sono molte più tentazioni, occasioni di esagerare e mangiare più del dovuto, magari mascherate dalla giustificazione “Bhé tanto siamo in vacanza, tutti sgarrano…!”. A volte invece, per chi soffre di binge eating, le vacanze mettono al riparo dal pericolo abbuffate, perché si è in mezzo ad altre persone, con tante cose da fare e non nella situazione rischiosa di stare da soli a tu per tu con la dispensa! Però questa astinenza dal sintomo può mettere a nudo le proprie fragilità, il doversi mettere a confronto con emozioni e vissuti spiacevoli, di solito affrontati col cibo e nascosti in esso, ma soprattutto provoca una terribile sensazione al ritorno dalle vacanze, quando rientrando nel tran tran quotidiano, facilmente si ricade nel sintomo e nel circuito delle abbuffate. E questo fa stare ancora più male, aumenta il senso di colpa e quindi il bisogno di ricorrere al cibo per gestire il disagio con se stessi. Ci sono invece persone che anche in vacanza, in momenti più faticosi e fonte di stress emotivo o relazionale o quando si ricordano dei problemi lasciati a casa, sentono l’istinto e la spinta a ricorrere al cibo e buttarsi in esso per lenire l’ansia e abbassare il disagio. E in tutto ciò, ricordiamoci, è sempre presente in tutta la sua forza e drammaticità la preoccupazione per il proprio corpo, la paura di mostrarlo scoperto e il non vedersi bene fisicamente, che crea di conseguenza il facile circolo vizioso di caduta nel cibo come tentativo di soluzione.

Forse allora il tempo delle vacanze per chi si rende conto di avere un disturbo dell’alimentazione è il momento giusto di chiedere aiuto e risolvere il problema.

Per commenti, scrivi a info@spazioaiuto.it

More
Facebook
Instagram